Greenpeace: Abiti di lusso prodotti con sostanze chimiche pericolose

L'ultimo studio dell'associazione rivela che marchi come Versace, Dolce&Gabbana, Louis Vuitton e Dior vendono capi per bambini contenenti sostanze chimiche pericolose.

Piccola storia di una bugia fuori modaSostanze chimiche pericolose sono state trovate in vestiti e calzature per bambini di alcune tra le più famose aziende dell’Alta moda. E’ la denuncia fatta da Greenpeace. Gli otto brand testati sono: Dior, Dolce & Gabbana, Giorgio Armani, Hermes, Louis Vuitton, Marc Jacobs, Trussardi e Versace.

Si tratta di prodotti acquistati tra maggio e giugno 2013 dai negozi monomarca o da altri negozi che sono rivenditori autorizzati dal brand. Per cinque prodotti(due Dior, due Trussardi e uno Hermes) il paese di fabbricazione non è stato riportato sull’etichetta, segno di mancanza di trasparenza da parte dei marchi in questione. Sedici dei 27 prodotti testati(59%) sono risultati positivi ad una o più di queste sostanze: nonilfenoli etossilati, ftalati, composti perflorurati e polifluorurati e antimonio.

Greenpeace scrive: “Queste sostanze vengono rilasciate nei nostri fiumi, torrenti e laghi non solo dalle fabbriche nei siti di produzione come quelli cinesi, ma anche da ogni capo venduto nel mondo, tramite il lavaggio. Una volta entrate in circolo, si accumulano nell’ambiente e mettono a rischio la salute di tutti, adulti e bambini. Essendo parte di questo processo, i marchi della moda di lusso non solo deludono i loro clienti, ma giocano col nostro futuro inquinando il Pianeta”.

Per ulteriori info: Greenpeace

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

CheBanca! con problemi tecnici

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

Istat: Lettori di libri stabili in Italia