Il colloquio tra Grillo e Giletti

Nella puntata di Blob del 22 febbraio 2014 è stato mostrato un interessante colloquio tra Beppe Grillo e Massimo Giletti. Il comico genovese dice delle cose interessanti. Guarda il video.

Beppe Grillo e Massimo GilettiIeri(22 febbraio), mi sono sintonizzato su Rai 3 per vedere “Blob”, il programma satirico che narra le vicende italiane. Verso fine puntata è stata mostrato un interessante colloquio tra Beppe Grillo e Massimo Giletti. Il video è stato “rubato” a Sanremo ed è stato girato prima delle consultazioni.

“Ma cosa vai a fare? Ma vai lì è cosa fai? Arrivano i corazzieri e si mettono così. Berlusconi che entra con i corazzieri. Berlusconi che è stato mandato via dal Senato, entra con i corazzieri”. Così ha esordito il leader del Movimento 5 Stelle. Grillo ha aggiunto: “Napolitano deve andare in televisione e dire: ‘Basta! I decreti leggi non li firmo più se fate così’. Fanno il decreto per il femminicidio e ci mettono dentro la TAV. Se voti contro, dicono che sei a favore della violenza sulle donne. Fanno una cosa incredibile. Non ho mai visto bella ciao cantata in Parlamento mentre danno 7 miliardi e mezzo alle banche”.

Grillo ha proseguito dicendo: “Il lavoro non c’è più. Come lo rigiri, quel lavoro non ritorna più. Te lo devi reinventare. Come lo fai? Facendo una grande rivoluzione culturale, perché passare dal petrolio alle rinnovabili è una questione di civiltà, non è una questione di economia. Abbiamo 100 miliardi di materiali che consumiamo ogni anno. Questi materiali si trasformano in cose che vanno in discarica e inceneritori. Non può più funzionare. Eravamo i primi con tedeschi e israeliani per i pannelli solari. Ora siamo diventati solo i montatori”. Una domanda sorge spontanea: perchè queste cose non le ha dette a Renzi?


Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

CheBanca! con problemi tecnici

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

Istat: Lettori di libri stabili in Italia