Bankitalia: Tasi potrebbe aumentare del 60% e servono 14,3 miliardi per il 2015

Il calcolo dell’istituto centrale sulla nuova tassa. Per il bonus di 80 euro servono 14,3 miliardi nel 2015. Dove li prenderà Renzi?

TasiLa Tasi potrebbe aumentare del 60% rispetto al 2013, tornando ai livelli dell’IMU 2012. E’ quanto calcola la Banca d’Italia. La scelta è in mano ai comuni. La Tasi ha un’aliquota di base all’1 per mille elevabile al 2,5 per mille. I comuni possono applicare un’addizionale di 0,8 punti ed elevare l’aliquota fino al 3,3 per mille.

Se l’aliquota Tasi scelta da tutte le amministrazioni sarà quella massima del 2,5 per mille il prelievo sulle prime case salirà del 60%. Se, invece, ci si limiterà all’aliquota base dell’1 per mille, l’aumento sul 2013 sarà del 12%. Bankitalia lancia un allarme anche sul bilancio 2015: per garantire gli obiettivi di riduzione del deficit e il pagamento del bonus di 80 euro il prossimo anno, il governo dovrà adottare interventi per ulteriore 14,3 miliardi di euro. Dove li prenderà il governo Renzi? Non dimentichiamoci che l’anno prossimo entra in vigore anche il Fiscal Compact.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

Tari costa in media 300 euro

L’amministrazione del degrado di De Magistris