Tasi più cara dell’IMU?

La Tasi potrebbe aumentare del 60% rispetto al 2013, tornando ai livelli dell’IMU 2012. E’ vero?

Calcolo Tasi sul sito del Comune di NapoliIeri(30 maggio) la Banca d’Italia ha lanciato l’allarme: la Tasi potrebbe aumentare del 60% rispetto al 2013, tornando ai livelli dell’IMU 2012. E’ vero? In parte si, ma bisogna fare alcune precisazioni.

Nel 2013, l’IMU sulla prima casa non è stata pagata in molti comuni, mentre in altri è stata versata una mini rata che rappresenta il 40% della differenza tra quanto previsto dallo Stato e l’aumento dell’aliquota dell’IMU stabilito da alcuni Comuni. Ecco spiegato il motivo per cui la tassa sulla prima casa aumenta del 60%. Vale lo stesso per il 2012? Dipende dal Comune di residenza e dalla zona in cui si abita. Meglio fare un esempio pratico per rispondere alla domanda. Nel Comune di Napoli, un abitazione di categoria A/3 con rendita catastale di 570,68 euro ha pagato 280 euro di IMU nel 2012. La cifra esce fuori dalla somma tra l’acconto di 92 euro(con aliquota al 4x1.000) e il saldo di 188 euro(con aliquota al 5x1.000).

E la Tasi? Dal programma di calcolo presente sul sito del Comune di Napoli esce fuori la cifra di 216 euro(foto). Questo significa che il cittadino verserà per la Tasi 64 euro in meno rispetto all’IMU 2012. Il risparmio è del 22,85%. Il calcolo della Tasi può essere effettuato anche sul sito amministrazionicomunali.it. Il cittadino ha pagato 76 euro la mini rata dell’IMU 2013, ben 140 euro in meno rispetto alla Tasi. Ergo, la tassa sulla casa del 2014 costa il 184,21% in più rispetto a quella del 2013.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Tari costa in media 300 euro