A Napoli 500 in corteo per Davide Bifolco

In testa al corteo madri vestite di bianco e bambini. Chiedono giustizia per la morte di Davide Bifolco. Lo Stato esce nuovamente sconfitto da questa ennesima tragedia. Guarda il video.

Corteo per Davide BifolcoUn corteo di circa 500 persone ha sfilato per le strade del rione Traiano di Napoli, dove ha perso la vita Davide Bifolco. I manifestanti hanno chiesto “giustizia e verità per Davide” e gridato slogan contro lo Stato. Al termine del corteo ci sono state tensioni.

Circa 200 manifestanti hanno improvvisato un blocco stradale, nei pressi della stazione dei Carabinieri. Hanno poi affrontato la polizia schierata con gli agenti in tenuta antisommossa, lanciando oggetti. I poliziotti hanno risposto con i lacrimogeni. Alcuni partecipanti al blocco hanno detto di aver subito la carica della polizia. La Questura ha smentito. La tangenziale è stata bloccata per un paio di ore. “Nessuno deve sentirsi autorizzato a compiere atti di violenza anche verbale in suo nome. Davide va rispettato”, hanno dichiarato i genitori del ragazzo al termine del corteo.

Solidarietà ai familiari è arrivata dai parenti di ragazzi uccisi in circostanze simili. Sconvolta è Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. Lo è anche Claudia Budroni, sorella di Dino morto per un colpo partito accidentalmente. “Andrà accertata la dinamica”, ha dichiarato Patrizia Moretti, madre di Federico Aldovrandi. Lunedì l’autopsia sul corpo di Davide. Lo Stato esce nuovamente sconfitto da questa ennesima tragedia. Sull’onda dell’indignazione, come era prevedibile, un popolo disilluso ed abbandonato perde ancor di più fiducia nello Stato. E’ un giorno triste per la nostra povera Italia, un Paese sempre più alla deriva culturale e sociale.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia