Istat: Ad agosto inflazione a -0,1%. Italia in deflazione dopo 50 anni

L'inflazione annua ad agosto 2014 cala allo -0,1%. L'Italia è in deflazione dopo 50 anni. Lo comunica l'Istat. L’inflazione acquisita per il 2014 è pari allo 0,4%.

Indice generale NIC. Agosto 2014Nel mese di agosto 2014, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività(NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente e diminuisce dello 0,1% su base annua(era +0,1% a luglio 2014). E’ quanto risulta dalle rilevazioni dell’Istat. Per la prima volta dopo oltre 50 anni, cioè dal settembre del 1959, l’Italia è in deflazione.

La dinamica tendenziale dell’indice generale è principalmente dovuta all’accentuarsi della flessione annua dei prezzi dei beni energetici(con quelli non regolamentati che da +0,4% di luglio passano a -1,2%) e al rallentamento della crescita tendenziale dei prezzi dei servizi; andamenti solo in parte controbilanciati dal ridimensionamento della flessione dei prezzi degli alimentari non lavorati(-1,8%, da -2,9% di luglio). A contribuire al rialzo mensile dell’indice generale sono essenzialmente i prezzi dei servizi relativi ai trasporti(+3,8%), su cui incidono fattori di natura stagionale. Questo aumento è solo in parte compensato dal calo mensile dei prezzi degli energetici non regolamentati(-0,5%). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano una variazione congiunturale nulla e una flessione tendenziale(-0,2%) meno ampia di quella registrata a luglio(-0,6%). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano su base mensile e presentano un tasso di crescita su base annua stabile allo 0,2%. L’inflazione acquisita per il 2014 sale allo 0,4% dallo 0,3% di luglio.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori