Bagnai: Per l’Italia o default o uscita dall’euro

Secondo il professore Alberto.Bagnai la rigidità dei trattati e delle politiche europee non consentono al governo alcun margine di manovra. Per questo motivo le strade saranno obbligatorie e saranno solo due. Guarda il video.

Alberto BagnaiQuale futuro ci attende con l’euro? Questa è la domanda che nessuno osa fare. Perché? Il futuro non sarà così prosperoso come vogliono farci credere i renziani. L’Italia è di fatto commissariata. Non a caso, ogni manovra fatta dall’esecutivo deve essere vagliata da quelli di Bruxelles. Senza contare i maledetti vincoli europei che sono un vero e proprio freno per la nostra economia.

Ad “Omnibus” il professore Alberto Bagnai ha spiegato che l’Italia ha solo due alternative per uscire dallo stallo economico. Ma andiamo con ordine. Bagnai ha dichiarato: “La produttività italiana si arresta nel 1997 e le spiegazioni che si danno sono di due tipi: c’è chi lo imputa all’aggancio ad un tasso di cambio sopravvalutato e chi lo imputa alle riforme del mercato del lavoro”. Il professore ha aggiunto: “Le riforme del mercato del lavoro servono per essere più competitivi. Che significa? Pagare di meno gli operai, cioè mettere meno soldi in giro. Questo crea un cortocircuito e non fa ripartire i consumi”. Ma il bello arriva quando viene menzionato il vero problema dell’UE. Bagnai ha detto: “Ci sono tre leve di politica economia: la fiscale, la monetaria e la valutaria. Il governo italiano non ce ne ha nessuna e quindi è inutile che ci accaloriamo qui. Siamo immersi in un Europa che ingessa tutte le possibilità di reazione. I lavoratori hanno assistito ad un crollo della quota salaria in Italia negli ultimi 25 anni”. Come uscire da questo papocchio? Per Bagnai le strade saranno obbligatorie e saranno solo due: o default sul debito pubblico o uscita dall’euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4