De Magistris: Renzi espropria Napoli

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha commentato la visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi alla Atitech e l'incontro con Gianni Lettieri.

Luigi De Magistris“Matteo Renzi espropria e commissaria Napoli su Bagnoli, apre a mani su città, inciucia con Caldoro, oggi blitz a Napoli con Lettieri: ho detto tutto!”. Questo è quello che ha scritto ieri(28 novembre) in un tweet il sindaco di Napoli Luigi De Magistris dopo il tour campano del premier gelataio.

Perché il sindaco di strada(e delle pagliacciate) ha iniziato questa guerra di zizzania? Il motivo è la visita all’Atitech di Gianni Lettieri, il leader dell’opposizione nel Consiglio comunale di Napoli. De Magistris ha dichiarato: “Mi hanno raccontato di questo atterraggio in elicottero di Renzi sul suolo napoletano per andare a trovare Lettieri. Trovo il presidente del Consiglio inaffidabile sotto ogni punto di vista. Quella di ieri è stata una passerella incommentabile”. Il Matteo Renzisindaco di strada ha aggiunto: “Il 14 agosto ha preso in giro la città con quella firma su Bagnoli: ha detto che avrebbe messo i soldi per la bonifica e si sarebbe impegnato a riqualificare il territorio insieme alla Regione e soprattutto insieme al Comune, invece dopo alcuni giorni ha messo in campo lo Sblocca-Italia con la norma su Bagnoli che ha espropriato il Comune ed ha aperto oggettivamente la strada alle mani sulla città”. De Magistris ha parlato anche del problema delle periferie, in particolare di Scampia. L’ex magistrato ha detto: “L’amministrazione comunale già da tempo ha inviato al Governo un progetto importante su Scampia, sviluppato con l’Università, Comitati ed Associazioni, ma non è mai arrivata alcuna risposta”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli

Napoli: Forno crematorio in funzione entro fine anno

Pivetti: Reddito di cittadinanza un’abominio sociale e morale

Cgia: Sud peggio della Grecia

Istat: Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardi

Italia con deficit oltre 2% da 10 anni