Giappone torna in recessione, ma rischia meno dell’Italia

A luglio-settembre il calo è dello 0,4% congiunturale e dell’1,6% su base annua. Ma il Giappone non rischia il default come l'Italia.

GiapponeIl Giappone torna in recessione con la seconda contrazione di fila del PIL. A luglio-settembre, sfumato il rimbalzo, il calo è dello 0,4% congiunturale(dopo il -1,9% dei tre mesi precedenti) e dell’1,6% su base annua(-7,1%). Per il premier Shinzo Abe è un duro colpo, visto che dovrebbe annunciare lo scioglimento della Camera Bassa e indire elezioni politiche generali anticipate, oltre a promuovere il rinvio del rialzo dell’IVA al 10% che, senza interventi, sarà operativo da ottobre 2015.

Forte calo in chiusura per la Borsa di Tokyo: l’indice Nikkei dei 225 titoli guida ha lasciato sul terreno 517,03 punti, pari a -2,96%, ed è sceso a quota 16.973,80. Yen in calo sul dollaro a 116,27. Pochi giorni fa la Banca Centrale Giapponese(BoJ) ha aumentato ulteriormente la campagna di quantitative easing(QE) che sta portando avanti da circa due anni: dai 60-70 miliardi di oggi a 80 miliardi di yen l’anno. L’obiettivo è quello di riportare l’inflazione almeno al 2% e rilanciare la crescita. Dall’inizio del 2013 il 70% dei nuovi titoli di stato emessi dal governo giapponese sono stati acquistati dalla Banca Centrale Giapponese. Il risultato è che il 20% circa del debito pubblico giapponese è oggi in mano alla BoJ. Le politiche monetarie espansive non provocano iperinflazione come sostengono alcuni fan dell’euro e della Banca Centrale Europea. Il debito pubblico del Giappone è il più alto al mondo rispetto al PIL, quasi doppio rispetto a quello italiano. Ma non sono i giapponesi a rischiare il default.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Assicurazione RC auto con scatola nera

Istat: A rischio povertà una persona su 4

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime