L’Isis apre una succursale in Libia

L'Isis crea una base dello Stato islamico nella città di Derna. La Corte Suprema dichiara illegittimo il parlamento libico.

Militanti dell'IsisUn gruppo di combattenti dell’Isis, di nazionalità saudita ed egiziana, si è trasferita in Libia, creando una base dello Stato islamico nella città di Derna. Lo riferisce il canale TV libico Al Jamahiriya. Intanto la Corte suprema libica ha annunciato lo scioglimento del Parlamento, annullando i risultati delle elezioni parlamentari del 25 giugno 2014. Lo riferisce l’agenzia ufficiale Lana.

La decisione della Corte era stata sollecitata da un parlamentare islamico che aveva chiesto un parere sulla costituzionalità del voto. Il provvedimento compromette la legittimità del governo del premier Abdullah al-Thani. Secondo al Arabiya, il Parlamento ha convocato un vertice straordinario per discutere la decisione dell’Alta Corte, che potrebbe essere maturata in seguito a minacce degli estremisti ai giudici. In Siria, l’esercito siriano ha riconquistato due giacimenti di gas che erano caduti nelle mani dell’Isis. Ne dà notizia l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui si tratta dei giacimenti di Jhar e di Al Moher, della Compagnia Hayyan, nella provincia di Homs. L’Isis continua comunque a controllare diversi pozzi nella provincia orientale di Deyr Az Zor.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bankitalia: Debito pubblico a 2.358,8 miliardi

Spari in ospedale a Napoli

Il cantiere morto di piazza Mercato

Meno tasse per tutti

Prima rata Tari 2019 scade il 30 giugno

A Piazza San Domenico Maggiore regna l’inciviltà