Petrolio crolla a 66 dollari al barile, ma i carburanti non calano

Il prezzo del petrolio è crollato a 66,06 dollari al barile, ma i carburanti non calano. Come mai? Perché in Italia benzina e diesel costano di più?

Pompa di benzinaAncora un ribasso per il prezzo del petrolio, che segna un nuovo minimo da luglio 2010. A New York il Wti è crollato a 66,06 dollari, oltre sette dollari in meno rispetto alla seduta precedente. A Londra il Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord, in chiusura si è attestato a 70,58 dollari al barile. L’OPEC ha deciso di lasciare la produzione invariata, a 30 milioni di barili al giorno.

Prezzo petrolio da giugno a novembre 2014

Dal grafico si può notare che il prezzo del petrolio è in caduta libera da circa 5 mesi, ma stranamente i carburanti calano più lentamente. Come mai? Il prezzo medio della benzina verde è di 1,704 euro al litro, mentre quello del diesel è di 1,629. Il 18 giugno 2014 il petrolio veniva scambiato a 105,59 dollari al barile, mentre il prezzo della benzina verde e del diesel era rispettivamente di 1,825 e 1,728 euro al litro. Nel periodo di riferimento il petrolio è crollato di 39,53 dollari al barile, mentre la verde e il diesel sono calate rispettivamente di 0,121 e 0,099 euro. Ora non venite a dirmi che la colpa è del calo di 0,11 centesimi dell’euro sul dollaro degli ultimi 5 mesi. I carburanti in Italia costano di più per via dell’alta tassazione. Tra l’altro, è in arrivo una nuova mazzata nel 2015.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4