I prolet di AnnoUno e i The Jackal

La prima puntata di "AnnoUno" fa uno share del 4,5%. Un disastro. Il programma di Giulia Innocenzi è già diventato vecchio?

AnnoUnoIeri(13 novembre) è ripartito “AnnoUno”, il programma condotto da Giulia Innocenzi. La prima puntata è stata vista da 1.040.000 telespettatori con uno share del 4,5%. Un vero disastro. Come mai questa débâcle? Due sono i motivi: la concorrenza sulle altre reti(su Rai 2 c’era “Virus”) e puntare su alcuni “personaggi” della passata edizione. Due su tutti: Silvia Sardone e Elisa Serafini.

La prima ha mille volti. La scorsa primavera ad “AnnoUno” si definì mamma precaria. Qualche mese dopo è apparsa a “Millenium” spacciandosi come lavoratrice con partita IVA. A settembre ha fatto una comparsata ad “Agorà” come opinionista. Il 3 novembre 2014 la Sardone è stata ospite a “Omnibus” e il conduttore l’ha presentata come consigliera comunale di Forza Italia a Milano. Conclusioni? E’ semplicemente una berlusconina doc. L’altra invece è un’attivista di Tea Party, un movimento politico schierato a difesa del libero mercato e su posizioni conservatrici/libertariane. Nella scorsa edizione, la Serafini fu asfaltata dal giornalista Marco Travaglio sul tema giustizia. Tra l’altro, in quella puntata alcune “perle” gliele suggeriva Vittorio Sgarbi. Una domanda sorge spontanea: l’attivista di Tea Party con quale coraggio si ripresenta in TV? E gli altri “personaggi”? Una massa di prolet rassegnata alla schiavitù. Vi confesso che ascoltando i loro discorsi mi è venuta voglia di fare l’imprenditore per sfruttarli. Generazione senza cervello e senza attributi. L’ultimo commento è per i “The Jackal”: perché “prostituirsi” per fare gag inutili e senza senso(video)? I videomaker napoletani rischiano di distruggere quello di buono che hanno fatto in passato. AnnoUno, se lo conosci lo eviti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4