Secondigliano: Manifestazione contro il degrado

Cittadini e commercianti sono scesi in strada per manifestare contro il degrado del quartiere e l'abbandono delle istituzioni. Guarda il video.

Manifestazione Secondigliano contro il degradoCirca trecento persone tra residenti e commercianti sono scesi in strada per partecipare alla manifestazione indetta dagli esercenti del corso Secondigliano. L’iniziativa nasce per denunciare il degrado in cui versa la via principale del quartiere e per il rilancio del commercio. Assente ingiustificato il sindaco di strada(e delle pagliacciate) Luigi De Magistris.

Il corteo è partito dal quadrivio di Secondigliano intorno alle 16 e dopo aver percorso il corso Secondigliano, è arrivato in piazza Di Vittorio. “Secondigliano non deve morire”. Questo è lo slogan urlato a più riprese dai manifestanti. Cori anche contro De Magistris, colpevole di “pensare” solo ai quartieri ricchi di Napoli. I negozi hanno abbassato le saracinesche e spento le luci in segno di protesta. Il corso Secondigliano sembrava avvolto da un coprifuoco. Il degrado della zona è sotto gli occhi di tutti: gli alberi potati solo dopo tre anni e mezzo, i lavori di riqualificazione fermi, l’illuminazione Manifestazione Secondiglianocarente, zero parcheggi e i controlli che scarseggiano.

Giuseppe Peluso dell’omonima agenzia di assicurazioni ha dichiarato: “Siamo completamente abbandonati dallo Stato che non ci ha dato nemmeno un’illuminazione pubblica sufficiente. La straordinaria partecipazione alla manifestazione di oggi è un ottimo segnale da parte della cittadinanza”. I manifestanti chiedono un incontro con il sindaco De Magistris per salvare Secondigliano dal degrado. Il termine indicato è di 48 ore. In caso di mancata risposta del primo cittadino, ci sarà una manifestazione pacifica a Palazzo San Giacomo.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Sgomberato ex penicillina

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste