Unione petrolifera: 8 centesimi in più sui carburanti dal 2015

Nel solo 2015 le imposte sui carburanti potrebbero aumentare di quasi 8 centesimi al litro. Tutta colpa del governo Renzi.

Aumento imposte sui carburanti dal 2015Nel solo 2015 le imposte sui carburanti potrebbero aumentare di quasi 8 centesimi al litro se dovesse essere confermata la nuova clausola di salvaguardia inserita nell’emendamento del governo alla Legge di Stabilità, sommata alle altre già previste. Lo calcola l’Unione petrolifera(UP).

L’imposta passa dai  988 milioni inizialmente previsti a 1,7 miliardi di euro, cui aggiungere i 671 milioni già deliberati dal DL IMU approvato nel 2013. L’UP scrive: “In pratica, nel 2015 gli automobilisti italiani si troverebbero con un aggravio fiscale di quasi 2,4 miliardi di euro. Darebbe il colpo di grazia ad ogni ipotesi di ripresa dei consumi e dell’attività economica. Proseguendo su questa strada l’Italia rischia di non uscire più dalla spirale recessiva in cui si trova ormai da diversi anni”. Anche il Codacons attacca il governo Renzi per la nuova clausola di salvaguardia che prevede un inasprimento della tassazione sulla benzina: “E’ una vergogna. Con effetti disastrosi per le famiglie”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Assicurazione RC auto con scatola nera

Istat: A rischio povertà una persona su 4

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime