Aereo AirAsia disperso con 162 persone a bordo

Era in volo tra l'isola di Giava e Singapore: il pilota aveva chiesto una deviazione sulla rotta a causa delle avverse condizioni meteo sul mare indonesiano.

Aereo AirAsiaUn Airbus 320-200 della compagnia malese AirAsia è scomparso tra l’Indonesia e Singapore, dove era diretto, con 162 persone a bordo(7 membri dell’equipaggio e 155 passeggeri). Tra i passeggeri anche 17 bambini. Aveva chiesto di cambiare rotta a causa del maltempo prima di sparire dai radar.

L’Airburs era decollato dall’aeroporto internazionale Juanda di Surabaya nella parte orientale dell’isola indonesiana di Giava, alle 5:20 e doveva atterrare a Singapore verso le 8:30. L’aereo ha perso i contatti mentre si trovava nello spazio aereo indonesiano. AirAsia informa che l’operazione di ricerca, lanciata per localizzare il velivolo, è stata avviata dal centro di soccorso dell’Isola di Bangka(Indonesia), nel Mar di Giava. Le ricerche sono state sospese a causa del buio. Non risulta ci siano italiani fra di loro. AirAsia si è affrettata a cambiare la propria foto del profilo su Facebook: il logo dell’aerolinea è diventato grigio e bianco.

Aggiornamento 30 dicembre 2014: Una nave da guerra indonesiana ha recuperato in mare una quarantina di corpi, durante le ricerche dell’Airbus dell’AirAsia, scomparso domenica con 162 persone a bordo. Lo ha riferito un portavoce della Marina. In precedenza, nel Mar di Giava, erano stati avvistati resti dell’aereo, a 10 km circa dall’ultimo contatto radar. Un aereo militare ha avvistato un ombra sul fondo marino: potrebbe essere il relitto del velivolo. Nella zona delle ricerche, gli Stati Uniti hanno inviato un cacciatorpediniere.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Donna intubata sommersa dalle formiche

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo