Confesercenti: Saldo tra aperture e chiusure negativo per 35.298 imprese

Le imprese che aprono hanno una vita sempre più breve: la percentuale di quelle che cessano l’attività dopo 3 anni è ormai sopra il 40%, mentre nel 2000 era sotto il 30%.

Donne in vacanzaPer il commercio e il turismo il 2014 è un altro anno di crisi. Questo è quello che viene fuori da un rapporto pubblicato da Confesercenti. Nei due settori tra gennaio e dicembre hanno chiuso 91.975 imprese, a fronte di 56.677 nuove aperture, per un saldo finale negativo di 35.298 attività. Le imprese che aprono hanno una vita sempre più breve: la percentuale di quelle che cessano l’attività dopo 3 anni è ormai sopra il 40%, mentre nel 2000 era sotto il 30%.

La crisi colpisce tutti i comparti anche i negozi di alimentari che registrano 3.277 chiusure. Continuano le difficoltà del reparto moda: oltre 1 chiusura su 4 è di un negozio di abbigliamento, tessili o accessori(-6.924). Durante l’anno i consumi delle famiglie sono stati praticamente uguali a quelli del 2013, con una crescita di appena lo 0,2%. Il 92% degli italiani ha dichiarato di aver ridotto qualche capitolo di spesa. Le imprese si sono difese con le promozioni: le ha praticati l’83%, per uno sconto medio del 27%. In totale, secondo le stime di Confesercenti, nel 2014 la pressione promozionale (la quota di prodotti in offerta sul totale) ha raggiunto il 30%. Nel 2007 era il 22,4%.

Non ci sono solo cattive notizie. A partire dall’anno prossimo si assisterà a un’inversione di tendenza e ad un lento ripopolamento del tessuto imprenditoriale. Tra il 2015 ed il 2017, secondo le proiezioni di Confesercenti, il numero di imprese attive di commercio e turismo aumenterà di 32.543 unità. La crescita sarà concentrata soprattutto nel comparto turismo(+27.765). La crisi del mercato interno è in fase di esaurimento, ma sarà difficile tornare rapidamente ai livelli di consumi delle famiglie precedenti alla crisi: tra il 2015 e il 2017 i consumi finali nazionali saliranno dell’1,8%, contro un calo registrato, tra il 2012 e il 2014, del 5,8%.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

Lo strano caso di Erika Marcato

La guerra alle armi di Save the Children

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando