Russi assaltano negozi per liberarsi dei rubli

Code nei grandi centri commerciali per spendere il maggior numero possibile di rubli nel timore che perdano ulteriore valore. Contro la Russia è in atto una guerra senza armi.

Russi assaltano negozi per liberarsi dei rubliCentri commerciali e negozi presi d’assalto in Russia per spendere il maggior numero di rubli nel timore che perdano ulteriore valore. La moneta solo questa settimana si è svalutata del 15% costringendo la Banca centrale a intervenire vendendo 1,961 miliardi di dollari. Dopo due giorni neri, la moneta russa si è leggermente ripresa: oggi ci vogliono 62 rubli per avere un dollaro, ma fino a sette giorni ne bastavano 54(vedi grafico).

Scambio dollaro rublo

I russi hanno affrontato anche cinque ore di fila nella notte, lasciando vuoti molti scaffali. Secondo il quotidiano “Vedomisti”, a causa del crollo del rublo i grandi distributori di auto straniere hanno sospeso le forniture e i concessionari hanno congelato le vendite. Contro la Russia è in atto una guerra, dove al posto delle armi si usa la finanza. Nel libro “Quando la moneta muore” Adam Fergusson scrive: “Se si vuole causare la rovina di una nazione, occorre per prima cosa distruggerne la moneta”. Senza contare che il continuo calo del prezzo del petrolio è un’altra mazzata all’economia russa. La guerra al rublo serve per far abbassare le pretese dei russi sulla crisi in Ucraina. “Tutti vedono che al momento il rublo è sottovalutato. Il tasso di cambio non riflette i fondamentali e lo stato dell’economia”. Questo è quello che ha detto il premier Medvedev per rassicurare i mercati internazionali sulla tenuta della moneta.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

La caduta del muro di Berlino

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

Voragine in via Masoni

Svimez: Cresce divario tra Sud e resto d’Italia