Salvini sempre in TV e quasi mai all’Europarlamento

Il segretario della Lega appare in qualsiasi trasmissione televisiva ogni giorno. come fa a stare sempre in TV e allo stesso tempo svolgere la funzione di europarlamentare?

Matteo Salvini su Vote Watch Europe(clicca per ingrandire)387.361 preferenze. Queste sono le persone che hanno votato Matteo Salvini(Lega) alle elezioni europee dello scorso maggio. Tra i votanti ci sono anche cittadini del Sud. Come ha usato questo alto consenso il segretario della Lega? Questa è la domanda che tutti si fanno ma a cui nessuno risponde. Salvini è presente ogni giorno in TV da ormai diversi mesi. Delle volte è stato capace di “apparire” in due o più programmi nella stessa giornata. Ormai è assodato, il leghista occupa lo schermo televisivo più dell’altro Matteo(il premier gelataio Renzi).

Una domanda sorge spontanea: come fa a stare sempre in TV e allo stesso tempo svolgere la funzione di europarlamentare? La domanda gli è stata posta anche da Andrea Scanzi nella puntata di “Otto e Mezzo”(video) del 3 dicembre 2014. Il giornalista de “Il Fatto Quotidiano” ha dichiarato: “Salvini è stato bravo a riciclarsi come anti casta e qualcuno bisognerebbe ricordasse ai telespettatori che lui fa politica dal 1993. Ma quando lavori Andrea Scanziall’Europarlamento? Hai un percentuale di assenze che è da record”. Il leghista ha risposto: “Io vado quando devo lavorare con la mia commissione. Ho il 77% di presenze alle votazioni”. E’ vero quello che ha detto Salvini? No. Il segretario della Lega ha partecipato a 148 votazioni su 217 in plenaria e  risulta al 675° posto(su 751 parlamentari) nel ranking dei più presenti durante le votazioni. La percentuale di presenze è del 68,20%¹. C’è però chi fa peggio, tipo “ladylike” Alessandra Moretti. La “pidina” risulta al 700° posto con una percentuale di presenze del 55,30%¹.

¹ Fonte Vote Watch Europe aggiornato al 07/12/2014

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4