Tariffe Italia tra le più alte d’Europa

Tra il 2010 e il 2014 solo in Spagna le tariffe pubbliche sono rincarate più delle nostre. Boom tariffe dei rifiuti: con la Tari gli italiani hanno pagato il 12,2% in più.

Una donna butta la spazzaturaItalia tra i Paesi in cima alla lista per i rincari tariffari in Europa. Tra 2010 e 2014, solo in Spagna le tariffe pubbliche sono rincarate più delle nostre, con un aumento medio del 23,7%, contro il 19,1% di Italia e Irlanda. La Francia registra invece un rincaro del 12,9%, la Germania un +4,2%. L’area euro segna un aumento medio dell’11,8%, oltre il 7% in meno rispetto all’Italia.

Negli ultimi 10 anni, a fronte di un incremento dell’inflazione che in Italia è stato del 20,5%, l’acqua è aumentata del 79,5%, i rifiuti del 70,8%, l’energia elettrica del 48,2%, i pedaggi autostradali del 46,5%, i trasporti ferroviari del 46,3%, il gas del 42,9%, i trasporti urbani del 41,6%, il servizio taxi del 31,6% e i servizi postali del 27,9%. Tra tutte le voci analizzate, solo i servizi telefonici hanno subito un decremento del 15,8%. Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, ha dichiarato: “Nonostante i processi di liberalizzazione avvenuti in questi ultimi decenni abbiano interessato gran parte di questi settori, i risultati ottenuti sono stati poco soddisfacenti. In linea di massima, oggi siamo chiamati a pagare di più, ma la qualità dei servizi resi non ha subito sensibili miglioramenti”. Le famiglie italiane hanno avuto una stangata di 324 euro nell’anno che sta per concludersi. Questa è la denuncia fatta dal Codacons. In testa alla classifica dei rincari, i rifiuti, le cui tariffe hanno subito aumenti medi del +15% rispetto al 2013, con un maggior esborso di circa 44 euro a famiglia. Pesanti anche i rincari di acqua, sanità e trasporti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

L’amministrazione del degrado di De Magistris

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018