Cgia: Imprese perdono 35 miliardi per pagamenti lenti

700.000 imprese hanno denunciato che a seguito dei mancati pagamenti sono a rischio chiusura. Lo rivela la Cgia di Mestre.

Donne imprenditriciIn Italia ben 3.400.000 imprese, pari al 76% del totale, soffrono di problemi di liquidità riconducibili al ritardo nei pagamenti. Lo sostiene la Cgia di Mestre. Per i mancati incassi, le perdite toccano i 35 miliardi di euro con 1.700.000 imprese(il 39% del totale) che segnalano come non abbiano potuto assumere. 900 mila aziende(pari al 20%) hanno valutato licenziamenti, mentre 700.000(il 15% del totale) sono sull’orlo del fallimento. Sebbene il decreto legislativo 192/2012 che recepisce la direttiva UE contro i ritardi è in vigore da 2 anni, la situazione non è cambiata molto.

Per legge il committente deve pagare il fornitore entro 30 giorni dal ricevimento della merce o dall’emissione della fattura. Salvo accordi tra le parti, il pagamento può slittare sino a 60 giorni e, in casi eccezionali, superare anche quest’ultima soglia. Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, ha dichiarato: “Le cause di queste criticità vanno ricercate nei tempi medi di pagamento effettivi presenti in Italia che intercorrono nelle transazioni commerciali sia tra imprese e Pubblica amministrazione(PA), sia tra imprese private. Nel primo caso, i giorni medi necessari per il saldo fattura sono 165; nel secondo caso, invece, si arriva a 94 giorni. In entrambe le situazioni siamo maglia nera quando ci confrontiamo con i nostri principali partner dell’UE”.

Al 30 ottobre 2014(ultimo dato disponibile) i debiti pagati dallo Stato e dalle Autonomie locali ammontano a 32,5 miliardi di euro. La Cgia scrive: “Se consideriamo che nell’ultimo biennio sono stati messi a disposizione circa 56,3 miliardi di euro, l’incidenza dei pagamenti effettuati sul totale delle risorse stanziate è pari al 57,7%”. Una domanda sorge spontanea: Matteo Renzi non aveva promesso di saldare tutti i debiti entro il 21 settembre 2014? Forse le aziende si scocciavano di andare in banca

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

La guerra alle armi di Save the Children

Lo strano caso di Erika Marcato

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando