Il Colonnello Gruber zittisce la grillina Lezzi

Lilli Gruber zittisce la grillina Barbara Lezzi per salvare il "pidino"(scortato) Filippo Taddei. E' ufficiale: la conduttrice di "Otto e Mezzo" è il Colonnello del Partito Democratico. Guarda il video.

Lilli GruberIn Italia c’è un problema serio: i vassalli. Chi sono? Sono giornalisti che hanno calpestato la loro dignità facendo un giuramento di obbedienza e fedeltà al regnante di turno. Ieri(21 gennaio) ad “Otto e Mezzo” è accaduto qualcosa di terrificante, roba da ritiro del tesserino.

Lilli Gruber ha tolto i panni di conduttrice imparziale(?) per mettere quelli di Colonnello del Partito Democratico. Miss Bilderberg ha zittato la “grillina” Barbara Lezzi per salvare il “pidino” Filippo Filippo TaddeiTaddei. Non gli bastava la scorta(pagata da noi), ora il sergente del PD deve essere difeso pure negli studi televisivi. Ma andiamo con ordine. Taddei ha dichiarato: “Abbiamo fatto una riforma del mercato del lavoro incisiva”. Come fa a dirlo? Per ora l’effetto del decreto Poletti sul lavoro non si vede, mentre per il Jobs Act bisogna attendere qualche mese per verificare se aumenterà l’occupazione(cosa che dubito).

La Lezzi ha cercato di dire questo, ma è stata interrotta bruscamente dal Colonnello Gruber. Dopo l’intervento della vassalla, il sergente del PD non sapeva cosa dire ed ha Barbara Lezzisparato la balla dei 18 miliardi di euro di tasse in meno. La Lezzi ha replicato che non era vero, ma il Colonnello Gruber è intervenuto nuovamente in difesa del suo camerata. La conduttrice ha aggiunto: “Qua decido io chi parla”. Non c’era bisogno che lo dicesse, lo sappiamo già. Se l’informazione italiana è così mediocre dobbiamo ringraziare giornalisti come la Gruber. Povera Italia.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Concorso per Vigili Urbani del Comune di Napoli

Confindustria propone tassa sul contante

Stipendi dei dirigenti del Comune di Napoli

Koulibaly e Ghoulam alla scuola Elsa Morante di Scampia

L’inutile sfogo di Ancelotti per gli spogliatoi del San Paolo

Impianti Universiadi abbandonati al degrado