Eurostat: 3,6 milioni di inattivi in Italia

Nel nostro Paese sono oltre 3,6 milioni le persone che sarebbero disponibili a lavorare, ma non cercano impiego. Lo rivela Eurostat.

In Italia aumentano i NeetIn Italia oltre 3,6 milioni di persone sarebbero disponibili a lavorare, ma non cercano impiego. Si tratta del 14,2% della forza lavoro, percentuale tre volte superiore alla media dei 28 Paesi UE, dove lo stesso indicatore è al 4,1%. A rivelarlo uno studio Eurostat sul terzo trimestre 2014.

La percentuale di Neet(Not in Education, Employment or Training) in UE è salita di 0,2 punti nel terzo trimestre 2014, mentre nel nostro Paese la crescita è dell’1,1%. Si tratta di persone considerate inattive anche a causa della sfiducia nella possibilità di poter trovare occupazione ma disponibili a un eventuale impiego. Nel terzo trimestre dell’anno passato se si sommano ai tre milioni di disoccupati i 3,6 milioni di persone che non cercano impiego ma vorrebbero trovare impiego, si superano i 6,6 milioni di persone, il 7,8% in più dello stesso periodo del 2013. La situazione rischia di aggravarsi nell’ultimo trimestre 2014 dato che secondo l’Istat i disoccupati erano oltre 3,4 milioni sia a ottobre che a novembre. In Germania la percentuale complessiva di coloro che non cercano lavoro ma sono disponibili è ferma all’1,2% ma anche in Grecia con la disoccupazione oltre il 25% quest’area è stabile all’1,9%.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

La caduta del muro di Berlino

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli