Fermati ad Auschwitz Pacifici e Parenzo

Il presidente della comunità ebraica romana e una troupe di Matrix bloccati nel lager per un malinteso con la polizia.

David ParenzoSono stati fermati dalla polizia ad Auschwitz, per diverse ore, il presidente della comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, l’inviato del programma “Matrix”, David Parenzo, e altre tre persone che erano con loro.

I cinque, dopo un collegamento in diretta da Auschwitz, si sono trovati bloccati all’interno del campo. Non avendo trovato aiuto, hanno aperto una finestra ed è scattato l’allarme. E’ intervenuta la polizia criminale polacca che li ha Riccardo Pacificifermati. Per farli rilasciare sono dovuti intervenire il consolato e l’Unità di crisi della Farnesina. L’accusa era di effrazione. La troupe aveva i permessi per trasmettere dal campo. Pacifici e Parenzo hanno definito la vicenda kafkiana. Il presidente della comunità ebraica di Roma ha dichiarato: “Certamente non si tratta di un’azione antisemita ma piuttosto di una falla nel campo. Chiaramente la struttura non è protetta, come dimostrano le finestre aperte”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Migrazione vietata su rete Open Fiber

Bankitalia: Debito pubblico a 2.358,8 miliardi

A Piazza San Domenico Maggiore regna l’inciviltà

Il 26 maggio 2019 si vota per le Europee

Terremoto a Barletta di magnitudo 3.9

Ospedale Cardarelli senza biancheria pulita