Gli amanti dei selfie sono psicopatici?

Uno studio condotto dall'Università dell'Ohio rivela che gli uomini selfie-dipendenti sono degli aspiranti psicopatici.

Matteo Renzi fa un selfieBrutte notizie per l’Italia. Il nostro Paese è governato da un aspirante psicopatico. Il premier Matteo Renzi posta selfie sui social in qualsiasi occasione, manca solo quello con il vespasiano per completare l’opera. Cosa c’entrano i selfie con le persone psicopatiche?

Il nesso c’è. Non lo dico io, ma uno studio condotto dall’Università dell’Ohio. Dalla ricerca emerge che gli uomini selfie-dipendenti hanno più probabilità di diventare malati di mente o psicopatici. Il motivo? Queste persone hanno un comportamento alquanto narcisista, anti-sociale e mostrano una spiccata ossessione per il proprio aspetto fisico. La ricerca ha preso in esame circa 800 uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Jesse Fox, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “Non mi sorprende che gli uomini che pubblicano un sacco di selfie e trascorrono più tempo a modificare i loro scatti, sono più narcisisti, ma questa è la prima volta che viene confermata in uno studio”. Di solito l’auto oggettivazione è un problema femminile che può preludere soprattutto a problemi alimentari come la bulimia, ma è un tratto che emerge sempre di più anche nella personalità maschile. Povero mondo. Lo studio dell’Università dell’Ohio è stato pubblicato sulla rivista “Personality and Individual Differences”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Afro-Napoli ha svincolato tutte le calciatrici

Sassari Primo rimosso dalla rada del porto di Baia

La tariffa unica per l’assicurazione RC auto

Moody’s taglia rating Italia a Baa3

Muro del bosco di Capodimonte a rischio crollo

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli