Le idiozie di Matteo Renzi

Il premier italiano ha detto una serie di balle durante la conferenza stampa del vertice italo-tedesco svoltosi a Firenze. Guarda il video.

Angela Merkel e Matteo RenziConferenza stampa nella Galleria dell’Accademia, a Firenze, con il David di Michelangelo sullo sfondo, per la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier Matteo Renzi, impegnati nel vertice italo-tedesco. L’italiano ha fatto da maggiordomo alla tipa targata Cartagine venuta dalla Germania.

”L’unità dell’Europa va difesa e promossa contro chi questa unità vuole distruggere”. Questa è una delle tante “perle” uscite dalla bocca del segretario del Partito Democratico. Peccato che il piano di “Quantitative easing” della Banca Centrale Europea dimostra esattamente il contrario. I rischi dei titoli comprati dalla BCE saranno condivisi su una quota del 20% sul totale. Questo significa che il restante 80% diventa un “problema” per le banche centrali di ogni paese. L’UE non sopravvivrà se non si condivide il debito. Quando lo capiranno anche i tecnocrati in giacca e cravatta? Ma torniamo alle idiozie di Renzi.

Il nostro “caro” premier gelataio è riuscito a mettere nella stessa frase le parole “turbo”, “riforme” e “palude”. Nello specifico Renzi ha dichiarato: “L’Italia può e deve mettere il turbo nelle riforme. Noi sappiamo che la rapidità delle riforme in Italia, dopo tanti anni di palude, è impressionante. In undici mesi tutti i grandi temi sono stati aggrediti, alcuni già conclusi, altri in via di conclusione”. La cosa drammatica è che nessun vassallo(i giornalisti) ha osato contraddire il fuffatore automatico. Ma a quali problemi si riferisce il signor Renzi? L’emergenza idrogeologica, i roghi tossici nella Terra dei Fuochi, il record di disoccupazione o l’emergenza povertà?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord

Centro di accoglienza migranti a Secondigliano

Tari in bolletta elettrica

Contributi erogati alla stampa per l’anno 2017

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione