Avvistati droni a Parigi. Sono un pericolo per la sicurezza nazionale?

Per la seconda notte consecutiva alcuni droni hanno sorvolato i cieli della capitale francese. Arrestati tre giornalisti di al-Jazeera.

Droni a ParigiNella notte tra il 23 e il 24 febbraio 2015 almeno 5 droni sono stati avvistati nella notte mentre sorvolavano luoghi simbolo di Parigi. E’ quanto hanno riferito fonti della sicurezza francese, aggiungendo che il primo avvistamento dei piccoli velivoli pilotati a distanza è avvenuto nei pressi dell’ambasciata degli Stati Uniti. Successivamente i droni hanno sorvolato la Torre Eiffel e Place de la Concorde. Si tratta solo dell’ultimo episodio di una serie di sorvoli misteriosi.

La procura ha aperto un’inchiesta dopo l’avvistamento di un drone sull’Eliseo il 20 gennaio 2015. Da ottobre sono 19 i droni avvistati presso centrali nucleari. Ventiquattro ore dopo il primo avvistamento, altri droni sono stati individuati sui cieli di Parigi. Lo ha riferito il canale televisivo “Europe1”. I droni sono stati visti in particolare nella centrale Place de la Concorde. Agenti e passanti avrebbero effettuato riprese, trasmesse immediatamente alle autorità investigative. Il caso resta al momento avvolto dal mistero: non ci sono infatti indizi sui responsabili e sul movente. Una domanda sorge spontanea: i droni rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale? Secondo il criminologo Christophe Naudin, è possibile che questi sopralluoghi siano fatti per mettere alla prova gli 007. Per il momento l’unica cosa certa è che in Francia è scoppiata una vera e proprio psicosi. Tre giornalisti di Al Jazeera, l’emittente panaraba con sede in Qatar, sono stati fermati dalla polizia francese per aver fatto volare un drone nel Bois de Boulogne, il parco pubblico nell’ovest della capitale.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo