Hacker rubano un miliardo a banche

Kaspersky lab ha individuato un malware attraverso il quale sono stati rubati un miliardo di dollari ad oltre 100 banche di tutto il mondo.

Ladri informatici rubano un miliardo da bancheLa banda degli hacker delle banche agisce con la tecnologia e si sospetta che dal 2013 si sia infiltra in oltre 100 banche “fuggendo” con un bottino complessivo di circa un miliardo di dollari. Lo denuncia la Kaspersky lab, società russa esperta in cybersicurezza in un rapporto che verrà presentato oggi(16 febbraio) ad una conferenza sulla sicurezza in Messico.

“Difficile dire se si tratti davvero dell’attacco cibernetico più sofisticato visto fino a questo momento nel mondo”. Questo è quello che ha dichiarato Chris Doggett di Kaspersky al quotidiano “New York Times”. La banda criminale agisce dalla Russia, dall’Ucraina e dalla Cina. Gli hacker inviano una mail con allegato per infettare le reti delle banche con virus maligni in grado di registrare tutto ciò che compare sullo schermo dei computer dei dipendenti. Secondo il documento di Kaspersky lab, gli hacker creerebbero conti fittizi sui quali verrebbero successivamente effettuati i trasferimenti.

Una delle tecniche più utilizzate è stata quella di gonfiare temporaneamente il bilancio di un conto. Se sul conto c’erano ad esempio 1.000 dollari, il totale veniva portato a 10.000. I novemila dollari in eccesso venivano quindi trasferiti ai conti gestiti dagli hacker, e il tutto avveniva così rapidamente che né i titolari del rapporto, né gli impiegati della banca si accorgevano di nulla. Quante sono le banche truffate? Secondo il “New York Times” sono più di 100, sparse in 30 nazioni, oltre agli Stati Uniti. Kaspersky Lab non ha voluto rivelare il nome delle banche colpite dagli hacker.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia