IMU-Tasi 2014: Entrate a 23,9 miliardi di euro

In Italia tre famiglie su quattro risiedono in una casa di proprietà. E si è proprietari più al sud che al nord. E' quanto emerge dal rapporto "Gli immobili in Italia".

Abitazioni a NapoliIl gettito dell’IMU e della Tasi nel 2014 vale 23,9 miliardi di euro così suddiviso: 19,3 di IMU e 4,6 di Tasi. Le entrate sono pressoché invariate rispetto all’IMU 2012(23,8 miliardi di euro). E’ quanto emerge dal rapporto “Gli immobili in Italia 2015” di Agenzia delle Entrate e Mef.

I proprietari di prima casa hanno pagato 204 euro nel 2014 contro i 227 del 2012. L’evasione nel settore immobiliare, nel 2014, potrebbe valere 4,3 miliardi di euro. Questa cifra è sostanzialmente in linea con il valore del 2012, che si attestava a 4,2 miliardi, pari al 18,4% del gettito teorico(quasi un euro ogni 5 dovuti). Dalle dichiarazioni dei redditi e dai versamenti delle imposte risulta che il 76,6% delle famiglie vive in una casa di proprietà e che l’acquisto di un’abitazione ha un costo medio di circa 181.000 euro(dati al 31 dicembre 2012). Al Sud si arriva all’82,1%.

Nella città di Roma, il 73,1% dello stock abitativo è abitazione principale; una quota pari al 10,6% delle abitazioni è data in locazione, il 3,2% è in uso gratuito ai familiari, mentre rimane a disposizione dei proprietari ben l’8,4% delle abitazioni. A Milano e Napoli la quota di abitazioni principali è, rispetto alla città di Roma, più contenuta: 68,4% è la percentuale rilevata a Milano, solo il 63% sono le abitazioni principali a Napoli. Di contro a Milano e a Napoli la quota di abitazioni locate risulta superiore rispetto al dato della capitale, 14,9% e 16,5% rispettivamente.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Donna intubata sommersa dalle formiche

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo