Stop a tariffe progressive per l’elettricità?

L’obiettivo dell’Autorità per l’energia: dal 2018 il conto non aumenterà più progressivamente in base ai consumi. I single pagherebbero di più.

Una donna in cucinaLa tariffa elettrica non aumenterà più progressivamente in base ai consumi, come avviene ad esempio per le aliquote IRPEF in relazione ai redditi. A questo, in sostanza, punta l’Autorità per l’Energia con un documento messo in consultazione e che propone una rivoluzione delle bollette da gennaio 2018.

Il sistema tariffario attuale era stato introdotto circa 40 anni fa ed era il frutto di una particolare situazione contingente, vale a dire gli shock petroliferi degli anni ‘70: si era infatti impostato un programma di austerità energetica che per l’elettricità prevedeva una penalizzazione per chi aumentava i propri consumi, attraverso bollette con prezzi impostati secondo una logica progressiva, con sussidi incrociati e redistribuzioni tra gruppi di clienti. Tra le opzioni suggerite, quella che prevede tariffe di rete uguali per tutti; l’ammontare necessario alla copertura degli oneri generali verrebbe caricato per il 50% in base alla potenza e il 50% sui consumi, differenziando tra residenti e non residenti il corrispettivo per potenza impegnata. Possibili risparmi per le famiglie numerose e benestanti, mentre verrebbero penalizzate le persone che abitano da soli. In sostanza chi consuma di più pagherà di meno. Le categorie più svantaggiate saranno quelle dei non residenti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano