Bankitalia: Debito pubblico a 2.165,9 miliardi di euro

Il debito pubblico italiano a gennaio 2015 si è attestato a 2.165,9 miliardi di euro, molto vicino al massimo storico registrato a luglio del 2014

Supplemento al bollettino statistico. Marzo 2015Oggi(13 marzo), la Banca d’Italia ha diramato il supplemento al Bollettino di Finanza Pubblica. A gennaio 2015 il debito pubblico italiano si è attestato a 2.165,9 miliardi di euro, in aumento di 31 miliardi rispetto ai 2.134,9 di dicembre 2014. Il debito è molto vicino al massimo storico(2.167,7 mld) registrato a luglio del 2014.

L’incremento è dovuto all’aumento di 36,3 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro, pari a fine gennaio a 82,6 miliardi(contro 46,3 a dicembre del 2014), solo in parte compensato dall’avanzo di cassa delle Amministrazioni pubbliche(4,6 miliardi) e dall’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, del deprezzamento dell’euro e degli effetti della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione(0,7 miliardi). A gennaio 2014 il debito pubblico italiano era pari a 2.089,5 miliardi di euro. Questo significa che è aumentato di 76,4 miliardi in 12 mesi. L’incremento è del 3,65%. Nel mese di gennaio 2015 le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 31,3 miliardi di euro, in aumento dello 0,9% rispetto al valore registrato nello stesso mese del 2014(31 miliardi). Bankitalia precisa che la significatività dei dati di gennaio è limitata da disomogeneità nei tempi e modalità di contabilizzazione di alcune entrate.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli

Napoli: Forno crematorio in funzione entro fine anno

Pivetti: Reddito di cittadinanza un’abominio sociale e morale

Cgia: Sud peggio della Grecia

Italia con deficit oltre 2% da 10 anni

Istat: Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardi