Cgia di Mestre: Da BCE 150 miliardi con Quantitative easing

Con il Quantitative easing l'Italia dovrebbe ricevere dalla Bce fino a 150 miliardi di euro. Il dato lo ha stimato la Cgia di Mestre.

EuroCon il Quantitative easing, che scatterà domani(9 marzo), l’Italia dovrebbe ricevere dalla Banca Centrale Europea fino a 150 miliardi di euro. Lo sostiene la Cgia di Mestre, che rileva come l’operazione dovrà contrastare la stretta del credito. Negli ultimi tre anni famiglie e imprese italiane hanno subito una contrazione nell’erogazione degli impieghi pari a 110 miliardi di euro.

La Cgia rileva che tra 2011 e fine 2014 le operazioni di rifinanziamento a lungo termine lanciate da Francoforte hanno consentito all’Italia di ricevere 305 miliardi di euro(25% del totale in area euro). Se nel dicembre del 2011 la BCE ha erogato al nostro sistema creditizio 116 miliardi con il Ltro 1, a febbraio 2012 se ne sono aggiunti altri 139 miliardi, grazie all’operazione Ltro 2. Nel 2014 sono arrivati altri 50 miliardi di euro con il Tltro 1 di settembre(23 mld) e il  Tltro 2 di dicembre(27 mld).  Misure, queste ultime che a differenza delle prime due avevano un vincolo ovvero i fondi dovevano finanziare esclusivamente l’economia reale. Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, ha dichiarato: “Le operazioni Ltro e Tltro non hanno ancora consentito una ripresa degli impieghi al nostro sistema economico, anche se nell’ultimo anno si è registrato un rallentamento della stretta creditizia; tra la fine del 2013 e lo stesso periodo del 2014 gli impieghi in Italia sono diminuiti dello 0,9%, passando da 1.401,7 a 1.388,8 miliardi di euro”. Una domanda sorge spontanea: il “finto” regalo della BCE finirà nelle tasche dei soliti noti?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano