Davide Serra non parla con giornalisti scomodi

Ecco gli investimenti speculativi di Davide Serra: riscuotere i crediti che le banche non riescono a incassare. L'amico di Renzi non parla con i giornalisti scomodi. Guarda il video.

Davide SerraIl tizio che vedete nella foto è Davide Serra, l’astro nascente della finanza internazionale e amico del premier gelataio Matteo Renzi. Come gli altri renziani, anche Serra non gradisce i giornalisti che evitano domande di rinnovamento. In altre parole, lui parla solo con i vassalli¹. Ne sa qualcosa Manuele Bonaccorsi, inviato del programma “La Gabbia”.

“Devi aver avuto degli scompensi. Fai il giornalista in maniera molto twisted, non particolarmente lineare leggermente di parte e vizioso. Con te non parlo perché sei fazioso e maleducato”.  Questo è quello che ha detto Serra al povero Bonaccorsi. Una domanda sorge spontanea: cosa fa l’amico di Renzi per campare? Serra è il fondatore del fondo Algebris e si occupa dei crediti incagliati delle banche. Cosa sono? Si chiamano “non performing loans” e sono tutti quei prestiti che per un motivo o per un altro non sono andati a buon fine. Mutui di persone che hanno perso il lavoro, prestiti concessi ad aziende in crisi. Serra li acquista dalla banche e poi riscuote dai debitori. Il finanziere renziano ha investito 400 milioni di euro sui crediti in sofferenza e spera di guadagnare 80 milioni all’anno sulla pelle dei poveracci. Serra ha messo gli occhi anche sulla Banca Popolare dell’Etruria, il cui vicepresidente per anni è stato Pierluigi Boschi, papà del ministro Maria Elena.

¹ Giornalisti che leccano il culo al potente di turno

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4