Google nel mirino dell’Antitrust

La Commissione europea ha deciso di procedere ufficialmente contro Google per abuso di posizione dominante. Sotto inchiesta anche il sistema operativo Android.

Google nel mirino dell’AntitrustLe autorità UE dopo 5 anni di indagini hanno aperto due procedure formali su Google, inviandole uno “Statement of objection”. L’accusa? Abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca su internet. La seconda indagine formale riguarda il sistema operativo Android.

Secondo il “Wall Street Journal”, il commissario antitrust, Margrethe Vestager, informerà il resto della Commissione circa il ricorso contro il colosso dell’hi-tech. Google potrebbe essere multato per oltre 6 miliardi di dollari, pari al 10% del suo fatturato. La commissione UE accusa il colosso californiano di aver “sistematicamente favorito” i suoi prodotti nelle pagine di ricerca generali. Non si è fatta attendere la replica di Google: “Sono accuse fuori bersaglio. Sebbene Google possa essere il motore di ricerca più utilizzato,ora gli utenti possono trovare informazioni con diversi canali”. L’altra indagine si concentra sulla condotta di Google nel suo sistema operativo Android, e “cercherà di verificare se l’azienda ha stretto accordi anticoncorrenziali o abusato della sua posizione dominante nel campo dei sistemi operativi, applicazioni e servizi per smartphone”. Il caso Google potrebbe diventare il più importante perseguito dall’Antitrust dai tempi della lunga battaglia contro la Microsoft che costò al colosso di Redmond multe per oltre 2 miliardi di euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Antitrust multa banche delle case automobilistiche

De Magistris: Siamo ormai nella storia di Napoli

L’immigrato pazzo nel Vasto

Tre imprese individuali su 5 superano 5 anni di vita

Lite tra extracomunitari a Mergellina