Istat: A marzo inflazione a -0,1%

L’Italia rimane in deflazione a marzo 2015. Lo comunica l'Istat. L’inflazione acquisita per il 2015 è pari a -0,1%.

Indice general NIC. Marzo 2015Nel mese di marzo 2015, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività(NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente e segna un calo su base annua dello 0,1%, invariato rispetto a febbraio 2015. E’ quanto risulta dalle rilevazioni dell’Istat.

Il dato annuo è influenzato dalla frenata del calo dei prezzi degli energetici non regolamentati(-9% da -12,8% di febbraio)e dal minore aumento dei prezzi dei servizi(+0,5% da +1,4%). I prezzi di alimentari, cura della casa e della persona segnano +0,8% tendenziale e -0,2% congiunturale. Il rialzo mensile dell’indice generale è da ascrivere principalmente al sensibile aumento dei prezzi degli energetici non regolamentati(+3,9%), per effetto dei marcati rialzi dei carburanti; a contenere l’aumento è la diminuzione dei prezzi dei vegetali freschi(-3,1%). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto aumentano dello 0,4% in termini congiunturali e registrano un tasso tendenziale nullo(era -0,5% il mese precedente). Il rialzo mensile è dovuto al rialzo dei prezzi dei carburanti. Il tasso di inflazione medio annuo acquisita per il 2015 è pari a -0,1%(da -0,2% di febbraio).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Concorso per Vigili Urbani del Comune di Napoli

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record