Radar per fermare migranti

Il sistema è di quelli ancora all'avanguardia. Se è ancora funzionante, installato, può ancora monitorare e bloccare chi varca il confine.

Barcone di migrantiUn milione di profughi siriani arriverà in Europa nei prossimi 5 anni. Questo è l’allarme lanciato dall’Onu. Il Trattato Dublino III obbligherà l’Italia ad offrire asilo a gran parte di questi profughi. Una domanda sorge spontanea: il nostro Paese può farcela senza la cooperazione degli altri Stati membri dell’UE? La risposta è no.

Per questo motivo l’Italia dovrebbe pensare ad un sistema avanzato di controllo delle frontiere. La cosa buffa è che qualcosa di simile già è stato realizzato, ma non viene utilizzato. Si tratta un sistema fatto di radar, sensori a infrarossi e sistemi di comando a 3 livelli, commissionato da Gheddafi e realizzato da Finmeccanica. A rivelarlo è l’ex presidente di Finmeccanica Pierfrancesco Guarguaglini in un’intervista al quotidiano “Il Tempo”. Il sistema anti invasione è imballato in un deposito a Bengasi e in parte non è mai partito dall’Italia perché tutto si bloccò con la caduta di Gheddafi. Guarguaglini ha dichiarato: “Costava 300 milioni di euro. La metà li doveva mettere l’Italia, gli altri 150 milioni la Libia. Alla fine pagammo tutto noi. Basterebbe attivarlo e gran parte dei problemi sarebbero risolti”. Il problema(?) è che se non arrivano più migranti poi non magnano più gli “amici degli amici” della politica.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Crescono ricavi calcio italiano

Respinto ricorsi compagnie telefoniche sui rimborsi