Alfano: Far lavorare gratis i migranti

Scatena una ridda di polemiche la proposta del ministro dell’Interno Angelino Alfano. Un'altra spesa per i contribuenti italiani?

Angelino Alfano e un migranteFino ad oggi l’emergenza migranti è stato una business per associazioni e cooperative, in futuro potrebbe diventare redditizio anche per le compagnie assicurative. Ieri(7 maggio), il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha dichiarato: “Dobbiamo chiedere ai Comuni di applicare una nostra circolare che permette di far lavorare gratis i migranti. Invece di farli stare lì a non far nulla, li facciano lavorare”.

Idea geniale. Peccato che si aggiungerebbe un altro costo per le tasche(sempre più vuote) dei contribuenti italiani. Un Comune che prende un migrante per pulire i vespasiani(tanto per fare un esempio) deve garantire anche la copertura assicurativa per eventuali infortuni. Una domanda sorge spontanea: chi paga? A questa domanda il ministro non ha risposto. Alfano ha aggiunto: “Non si può chiedere l’equa distribuzione in Europa se non si realizza l’equa distribuzione dei migranti in Italia”. Giusto. Peccato che l’UE fa di tutto(vedi Trattato Dublino III) per non dare asilo a questi poveracci.

Come prevedibile, le dichiarazioni del leader di NCD hanno scatenato un putiferio. Il leghista Matteo Salvini ha detto: “Non ho parole. Alfano da scafista a schiavista. Alfano sarebbe pagato per impedire che i migranti sbarchino, non per sfruttarli”. Contrari anche quelli di SEL. Arturo Scotto su Twitter ha scritto: “Alfano si vergogni. Oltre alla decenza si perde pure l’umanità. Ritiri circolare”. Per la cronaca, il ministro Alfano è la stessa persona che fece la guerra ai vu cumprà la scorsa estate. Questi politicanti non sanno cosa significa il termine “coerenza”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori