BCE: Divergenze strutturali minacciano euro

Le divergenze strutturali tra i paesi dell'Eurozona possono diventare pericolose ed esplosive per la moneta unica. Lo ha detto Mario Draghi.

Mario DraghiIl progetto euro rischia di fallire. Questa è la minaccia lanciata da Mario Draghi nel suo intervento alla conferenza “Verso i 60 anni dai Trattati di Roma: stato e prospettive dell’Unione Europea” svoltosi a Sintra, in Portogallo.

Il presidente della Banca Centrale Europea ha dichiarato: “In una unione monetaria non ci si può permettere di avere profonde e crescenti divergenze strutturali tra Paesi, perché queste tendono a diventare esplosive e possono minacciare l’esistenza dell’unione stessa, l’unione monetaria”. Questo scenario nefasto tuttavia può essere evitato, ma solo se i governi si svegliano. Draghi ha detto: “I banchieri centrali non vogliono essere invadenti e non vogliono dire ai governi cosa devono fare. Ora è il momento migliore per fare le riforme strutturali”. Il presidente della BCE ha aggiunto: “Oggi c’è una certa mancanza di politiche strutturali, che comprendono, ad esempio, la flessibilità delle riforme del mercato del lavoro o sistemi pensionistici pubblici”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Ex scuola Salvo D’Acquisto è un rudere

Il caos dell’illuminazione votiva a Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.358 miliardi. E’ record

Inps: 22% dipendenti a meno di 9 euro l’ora

16,2 miliardi da lotta a evasione fiscale nel 2018

Pianeta in sciopero per salvare clima