Berlusconi: I profughi a casa mia

Silvio Berlusconi risponde così a chi, nel corso di una intervista a Radio Capital, gli chiede se non sia disposto ad accogliere i profughi.

Silvio Berlusconi a CasertaDopo un breve letargo forzato(vedi servizi sociali) è ritornato in auge Silvio Berlusconi. L’ex premier è stato ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, mentre questa mattina la sua voce è apparsa a Radio Capital. Berlusconi ha fatto i soliti attacchi contro il comunismo e la magistratura, nulla di nuovo in pratica. Sembrava essere ritornati nel 1994.

A Radio Capital ha sparato anche la solita baggianata plagia cuori per rubare qualche voto alle elezioni. Berlusconi ha detto: “Ospitare i profughi nella villa a Lampedusa? La prendo come una cosa buona e ci penso. La villa è vuota, non c’è nessuno potrebbe essere un’idea. Ho aiutato tanta gente e non da oggi”. Una domanda sorge spontanea: perché a Lampedusa e non ad Arcore? Mistero della psiche di un vecchietto superato. Tra l’altro, la settimana scorsa il simpatico vecchietto aveva trovato la soluzione per fermare l’invasione: “Basterebbe un contingente di uomini, autorizzato dal governo libico o dall’Onu, che togliesse il motore alle barche con le quali si vorrebbero trasportare i migranti”. Questo è un genio e pensare che non c’era arrivato nessuno. Ma torniamo all’intervista. L’ex premier ha escluso che qualcuno dei suoi figli possa scendere in politica. Berlusconi ha dichiarato: “La mia famiglia ha già dato e ha dato tanto, anche perché ho conosciuto cosa è la politica e il male che ti porta. Tuttavia sente il dovere il condurre una crociata di libertà, come nel 1994”. Ma c’è ancora qualcuno che crede a questo tizio?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia