La mancia elettorale di Renzi: 500 euro ai pensionati

Togliere i soldi ai poveri per rimborsare i pensionati. Questa è la mossa di Matteo Renzi per vincere le elezioni amministrative del 31 maggio 2015.

Massimo Giletti e Matteo Renzi“Quattro milioni di pensionati avranno il 1° agosto 500 euro a testa”. E’ il jolly di Matteo Renzi per le elezioni amministrative del 31 maggio 2015. La promessa è stata fatta durante un’intervista di Massimo Giletti del programma “L’Arena”.

L’anno scorso furono gli 80 euro il colpo a sorpresa del premier per stravincere le elezioni Europee, questa volta Renzi punta tutto sui pensionati per riconquistare l’elettorato storico del Partito Democratico e il sindacato. Peccato che il rimborso del blocco delle indicizzazione delle pensioni sia un diritto sancito da una sentenza della Corte Costituzionale, non è quindi un regalo. Renzi ha aggiunto: “Ovviamente non sarà un rimborso totale, riguarderà le pensioni dai 1.500 ai 3.000 euro. I fondi saranno reperiti dal tesoretto destinato a misure contro la povertà”. Tanto i poveri non votano.

Renzi ha precisato che “non si tratta di un bonus per le elezioni”, ma è la solita frase per ingannare l’elettore poco informato. Tutti sanno che in politica e comunicazione contano soprattutto l’effetto annuncio e il decreto in sé, che verrà varato domani(18 maggio) in consiglio dei ministri, assicurano i suoi spazzando via le ultime incertezze sulla tempistica. Il blocco dell’indicizzazione delle pensioni superiori a 3 volte il minimo dal 2012 a oggi a ciascun pensionato spetterebbero almeno 3.000 euro per un totale di 18 miliardi di euro. Quindi se Renzi restituisce solo 2 miliardi, ne ruba 16 ai pensionati.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Scampia tagliata fuori dal trasporto pubblico

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Il business degli affidi

Sbarchi migranti in calo del 83,30%