Mauro Corona manda a quel paese la vegetariana Giulia Innocenzi

Ospite ad "Announo", lo scrittore Mauro Corona resta in silenzio, poi prende la parola e manda a quel paese al conduttrice vegetariana. Guarda il video.

Mauro CoronaScintille durante la prima puntata di “Announo” tra Mauro Corona e la neo vegetariana Giulia Innocenzi. Lo scrittore era ospite del programma con un collegamento. L’argomento è lo sfruttamento del bestiame per produrre alimenti per gli essere umani. La Innocenzi ha realizzato un reportage sulle condizioni dei maiali in un allevamento intensivo in provincia di Modena.

Tra un topo e l’altro, la giornalista-conduttrice ha mostrato anche il suo iPhone. Un controsenso, se consideriamo che i dispositivi Apple vengono prodotti nelle fabbriche cinesi della Foxconn, dove i lavoratori vengono sfruttati per aumentare la produttività. Ma si sa, la vita degli animali vale più di un essere umano. Ma torniamo a Corona. Lo scrittore è stato in attesa per circa un’ora in posa fra le statue, appena la giovane conduttrice gli ha dato la parola non c’ha visto più e si è scatenato contro la Innocenzi: “Cosa vuole che dica, lì avete parlato finora di maiali e io ci sto facendo la figura del pollo. Mi avete invitato ma non posso fare un discorso. Vi cedo la parola, parlate voi. Non si può maltrattare uno così, non farlo parlare. Vi cedo volentieri la parola, voi e i vostri maiali e i vostri pollastri”. Lo scrittore ha aggiunto: “E vi prego, la prossima volta non mi venite più a scocciare. Sono otto ore che sono qui in posa senza poter parlare. E adesso vi saluto, ché mi sono rotto i coglioni. Buona pace e buoni maiali a tutti voi. Fuori dalle palle”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Donna intubata sommersa dalle formiche

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo