Una settimana in Parlamento per avere il vitalizio a vita

Giuseppe Cruciani ha intervistato Angelo Pezzana, un ex deputato dei Radicali che restò solo 8 giorni alla Camera. Guarda il video.

Angelo PezzanaLa pensione sarà un miraggio per le giovani generazioni di oggi e di domani. La maggior parte di noi sarà costretta a lavorare fino alla morte per non vivere in povertà. C’è però qualcuno più fortunato di noi: i parlamentari. Fino a pochi anni fa, deputati e i senatori andavano in pensione con soli 5 anni di contributi.

Nella prima Repubblica non c’era questa vincolo, bastava un giorno in Parlamento per maturare il vitalizio a vita. E’ il caso dell’avvocato Luca Boneschi. Eletto per i Radicali nel collegio di Como, fu proclamato depu­tato il 12 maggio 1982. Il giorno dopo aveva già rassegnato le dimissioni. Nel 1983, a soli 44 anni, Boneschi già era un pensionato d’oro. Un altro “caso” è quello di Angelo Pezzana: eletto deputato il 6 febbraio 1979, si dimise il 14 febbra­io 1979. Anche lui era del Partito Radicale come Boneschi. Quei fatidici 8 giorni alla Camera gli sono valsi un vitalizio da 2.163 euro al mese. Pezzana ha versato 60 mila euro di contributi e fino ad oggi, ne ha ricevuti ben 650 mila. In pratica è come se avesse fatto una quaterna al Lotto a spese dei contribuenti.

Il “privilegiato” è stato intervistato da Giuseppe Cruciani, conduttore della trasmissione radiofonia “La Zanzara”. Pezzana ha dichiarato: “Questa era la legge dell’epoca. Non ho fatto e non faccio l’eroe. Non mi vergogno del vitalizio. Cosa dovevo fare? Dire di no mentre tutti dicevano di sì? Il vitalizio è un privilegio per legge. Mi guardo al mattino allo specchio e non mi rimprovero nulla”. L’ex deputato Radicale ha aggiunto: “Non posso cambiare io le cose. Se domani li aboliscono, evviva. Ma non ho fatto e non faccio nessun gesto eroico”. Pezzana ha ragione su quest’ultima cosa. Perché dovrebbe rinunciare al vitalizio? Questi “privilegiati” vanno aboliti con una legge ad hoc.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano