Standard & Poor’s lascia l’Italia al livello BBB-

L'agenzia internazionale che dà giudizi sul debito di aziende e Stati lascia il merito di credito a BBB-. Siamo allo stesso livello di Islanda e Romania.

Matteo RenziL’agenzia Standard & Poor’s ha lasciato invariato il rating dell’Italia a BBB-, un gradino sopra il livello “spazzatura”. Anche l’outlook resta stabile. E’ la prima volta nella storia che l’Italia rimane così in basso nel “ranking”. Siamo allo stesso livello di Islanda e Romania.

L’agenzia di rating americana scrive: “La ripresa economica in Italia è in corso, principalmente per fattori esterni, ma restando bassa la competitività, la crescita si fermerà quest’anno allo 0,4%, per accelerare in media a +1%, fra il 2016 e il 2017”. Secondo S&P inoltre, la sentenza della Consulta sulle pensioni complica il conseguimento degli obiettivi di bilancio, nonostante la riduzione degli interessi sul debito. S&P conclude: “Se il governo Renzi attua le riforme, il rating potrebbe migliorare”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli