Domani banche chiuse in Grecia. Referendum il 5 luglio

Alexis Tsipras ha deciso che lunedì la Borsa di Atene e le banche resteranno chiuse. Dal Parlamento arriva il via libera al referendum.

GreciaLe azioni della Banca Centrale Europea hanno spinto la Banca di Grecia a raccomandare la chiusura per domani(29 giugno) delle banche e controlli sui capitali. Lo ha detto Alexis Tsipras in un discorso TV alla nazione. Resterà chiusa anche la Borsa di Atene. La decisione è arrivata dopo che l’Eurotower ha congelato la liquidità di emergenza che tiene a galla gli istituti di credito.

Il premier greco ha dichiarato: “I depositi bancari del popolo greco sono completamente al sicuro. Il pagamento di stipendi e pensioni sarà garantito”. Tsipras ha aggiunto: “Le decisioni di Eurogruppo e BCE tentano di soffocare le volontà del popolo greco”. Intanto, il Parlamento greco ha approvato la richiesta del premier per un referendum domenica 5 luglio 2015 sull’offerta avanzata dai creditori. Con i deputati della sinistra radicale di Syriza hanno votato a favore quelli di estrema destra di Alba Dorata. Contro i filo-europei di centro-destra di Nea Dimokratia, i socialisti del Pasok, i centristi di To Potami e i comunisti del KKE. Tsipras ha chiuso il dibattito in Parlamento chiedendo di votare “NO” per respingere l’insulto ricevuto dalla Troika(BCE, UE e FMI).

Quella che sta per iniziare sarà una settimana infernale che potrebbe decretare la morte dell’euro e del “progetto” Unione Europea. Bisogna fare molto attenzione, perché i media filo europeisti inizieranno una nuova campagna del terrore per influenzare le masse. Vi dico che è meglio un futuro nebuloso ad una morte certa con l’euro. Il motivo? I Paesi dell’UE hanno in comune solo una cosa: l’egoismo. Questo basta e avanza per far morire il progetto, che basa tutto sulla finanza e non sul benessere dei cittadini. Nemmeno la moneta è condivisa. Il popolo greco deve votare NO alle richieste della Troika e poco importa se l’Italia perderà 40 miliardi di euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli