Istat: 7 italiani su 100 in povertà assoluta

Nel 2014, il 10,3% delle famiglie è in condizione di povertà relativa(per un totale di 2 milioni 654 mila) e il 5,7% lo è in termini assoluti(un milione 470 mila). Lo rileva l'Istat nel report "Povertà in Italia".

7 italiani su 100 in povertà assolutaQuasi 7 persone su 100 in Italia vivono in povertà assoluta, cioè non riescono ad acquistare beni e servizi per una vita dignitosa. E’ quello che emerge dal report “Povertà in Italia” pubblicato dall’Istat. Nel 2014, 1 milione 470 mila famiglie(il 5,7% delle famiglie residenti) risultano in condizione di povertà assoluta per un totale di 4 milioni e 102 mila individui(6,8% dell’intera popolazione).

Dopo due anni di aumento, l’incidenza della povertà assoluta si mantiene sostanzialmente stabile; considerando l’errore campionario, il calo rispetto al 2013 del numero di famiglie e di individui in condizioni di povertà assoluta(pari al 6,3% e al 7,3% rispettivamente), non è statisticamente significativo(ovvero non può essere considerato diverso da zero). La povertà assoluta è sostanzialmente stabile anche sul territorio, si attesta al 4,2% al Nord, al 4,8% al Centro e all’8,6% nel Mezzogiorno. Livelli elevati di povertà assoluta si osservano per le famiglie con cinque o più componenti(16,4%), soprattutto se coppie con tre o più figli (16%) e famiglie di altra tipologia, con membri aggregati(11,5%); l’incidenza sale al 18,6% se in famiglia ci sono almeno tre figli minori e scende nelle famiglie di e con anziani(4% tra le famiglie con almeno due anziani).

L’incidenza di povertà assoluta diminuisce all’aumentare dell’età della persona di riferimento(i valori minimi, intorno al 4,6%, si registrano tra le famiglie con a capo un ultra cinquantaquattrenne) e del suo titolo di studio(se la persona di riferimento è almeno diplomata l’incidenza è quasi un terzo di quella rilevata per chi ha la licenza elementare). Tra le famiglie con stranieri la povertà assoluta è più diffusa che nelle famiglie composte solamente da italiani: dal 4,3% di queste ultime(in leggero miglioramento rispetto al 5,1% del 2013) al 12,9% per le famiglie miste fino al 23,4% per quelle composte da soli stranieri. Come quella assoluta, la povertà relativa risulta stabile e coinvolge, nel 2014, il 10,3% delle famiglie e il 12,9% delle persone residenti, per un totale di 2 milioni 654 mila famiglie e 7 milioni 815 mila persone.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

Lo strano caso di Erika Marcato

La guerra alle armi di Save the Children

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando