La riforma della scuola è legge

Con 277 sì, 173 no e 4 astenuti la Buona Scuola di Matteo Renzi ha superato anche l'ultimo ostacolo, come sempre tra proteste e critiche. Ecco i punti centrali della riforma.

Stefania GianniniLa riforma della scuola taglia il traguardo alla Camera in un clima infuocato. Il disco verde arriva con 277 voti a favore, 173 contrari e 4 astenuti. Il DDL del governo, in precedenza approvato dal Senato con la fiducia, diventa legge.

Il Partito Democratico si è diviso sulla riforma della scuola. Sono 5 i deputati della minoranza PD che hanno votato no: D’Attorre, Folino, Capodicasa, Zappulla e Galli. Sono 39, invece, i deputati PD che non hanno partecipato al voto. 100 mila docenti e super presidi. Ecco i punti centrali della riforma della scuola, voluta da Matteo Renzi e Confindustria, divenuta legge con il voto definitivo della Camera.

  • La super autonomia scolastica: Entro l’ottobre antecedente ad ogni triennio, i collegi dei docenti elaboreranno il Piano triennale dell’autonomia, sugli indirizzi del dirigente scolastico.
  • Super preside: Valuta i neo immessi in ruolo,sentito il Comitato di valutazione, composto da tre insegnanti,un soggetto esterno, e due genitori. Premia i docenti migliori sulla base di criteri individuati dal Comitato di valutazione.
  • 100 mila docenti assunti: Ci saranno, tra vincitori di concorso 2012 e presenti nelle graduatorie provinciali ad esaurimento, entro settembre.
  • Alternanza scuola-lavoro: Per avere un legame più stretto tra scuola e imprese e per ridurre la dispersione scolastica, gli istituti tecnici e professionali offriranno agli studenti almeno 400 ore nell’ultimo triennio di attività da svolgere in azienda o presso strutture.
  • Bonus docenti: Potranno fruire della Carta dell’insegnante, per acquisti inerenti l’aggiornamento(abbonamenti a riviste, libri, spettacoli teatrali) per per un importo di 500 euro l’anno.
  • Donazioni e detrazioni: Si potrà donare alle scuole fino a 100 mila euro l’anno, con agevolazioni fiscali. E’ anche prevista una detrazione fiscale fino a 400 euro all’anno per le famiglie che mandano i figli nelle scuole paritarie.
  • Edilizia scolastica: Vengono stanziati 4 miliardi di euro per costruire nuove scuole e rendere più sicure gli istituti esistenti.
  • Pari opportunità: Sono attuati i principi di pari opportunità, promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

CheBanca! con disservizi

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

OIM: 641.398 migranti in Libia

Perché si usa Facebook?