Che ci fa un nastrino rosso sul lungomare di Napoli?

La passeggiata sul lungomare più bello del mondo rovinata da un nastrino rosso. Guarda il video.

Nastrino rosso in via PartenopeIl Comune di Napoli ha puntato tutto sul turismo. Peccato che la giunta De Magistris non fa nulla per valorizzare i magnifici posti che offre la città. Lo scorso giugno ho parlato della scalinata della vergogna in via Ortensio. Oggi invece segnalo un nastrino rosso divelto sul lungomare di Napoli. Siamo in via Nazario Saurio, a pochi metri dalla fontana del Gladiatore.

Quella rete deturpa un panorama mozzafiato, forse il più bello del mondo. Ho scoperto questo scempio il 19 agosto 2015(foto). Il Comune di Napoli è intervenuto? Prima di rispondere, bisogna fare una breve premessa su questo “caso”. La settimana scorsa ha visitato il luogo anche Alfredo Di Domenico(alias Il nastrino rosso sul lungomare di NapoliBukaman) e il nastrino rosso era ancora presente(video). Di Domenico ha dichiarato: “Ho voluto fare un esperimento. Questa rete divelta è in queste condizioni da una decina di giorni e nessuno ha segnalato tale criticità. Poi il 29 agosto mi sono deciso e adoperato per la segnalazione istituzionale”. Il risultato? Dopo 24 ore il nastrino rosso è stato riposizionato ad arte(foto). Ma che problema c’è in quella zona? Si tratta di un ferro tubolare che non è fissato in modo adeguato nel muretto e può essere pericoloso se qualcuno si siede sopra. Una domanda sorge spontanea: ci vuole uno scienziato per metterlo in sicurezza? Luigi De Magistris verrà ricordato come il sindaco del nastrino rosso.

Bukaman & i Supereroi sul lungomare più bello del mondo

la passeggiata sul lungomare più bello del mondorovinata da una rete rossa e due spiedini..che figura di m.........

Posted by Alfredo Di Domenico on Sabato 29 agosto 2015

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assessore Sardu fa l’interprete del consigliere extracomunitario

PD di Renzi considera 80 euro un totem

Goletta Verde: Inquinato 48% mare Italia

BCE: In Italia redditi da lavoro inferiori al periodo pre-crisi

Il crollo della Lira turca

Cgia: Cresce debito famiglie con banche