Frana al Frullone. Chi sono i responsabili?

Una frana ha reso impraticabile la strada che collega la zona nord alla zona ospedaliera. La frana era stata prevista da Bukaman e alcuni cittadini. Chi sono i responsabili del mancato intervento?

Strada chiusa al FrulloneIl temporale di ieri mattina(16 agosto) ha fatto numerosi danni a Napoli. Come per magia, in alcuni punti della città sono spuntati i nastrini rossi tanto cari al Comune. Due sono stati messi anche all’inizio e alla fine di via Rocco di Torrepadula al Frullone. Cosa è successo?

La frana prevista da Alfredo Di Domenico(Bukaman) e alcuni cittadini si è verificata con un mese di anticipo. Ma andiamo con ordine. All’inizio dello scorso aprile, Bukaman e i suoi seguaci mostrano una buca profonda in via Marco Rocco di Torrepadula. I supereroi portano anche casatiello e pastiera per festeggiare la Pasqua. Dopo un paio di giorni la buca si trasforma in una vera e propria voragine. Il 10 aprile 2015, Bukaman fa un altro sopraluogo e scopre che in quel punto è in corso una frana. Passano alcuni giorni prima dell’intervento degli operai del Comune di Napoli, che riempiono la voragine con “schifezze varie”. Risultato? Dopo circa due mesi rispunta una piccola buca, che col passar dei giorni si trasforma in una nuova voragine. Nonostante le segnalazioni, i tipi in giacca e cravatta del Comune non hanno fatto nulla per arginare la frana in corso. La conseguenza è che una parte della carreggiata è franata dopo il temporale di ieri e la strada è stata chiusa al traffico. Ora per i cittadini di Miano e Secondigliano sarà un problema raggiungere la zona ospedaliera. Chi sono i responsabili di questa frana annunciata? Quanti giorni passeranno per riaprire l’importante asse viario?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione