La Grecia vende 14 aeroporti. Il piano tedesco prende forma

Atene dà il via alle privatizzazioni. 14 aeroporti ceduti a un consorzio tedesco. Il piano coloniale prende forma.

Aeroporto di CorfùIl governo Tsipras ha firmato la prima privatizzazione. E’ stata ufficializzata la vendita di 14 aeroporti regionali al consorzio tedesco formato da Fraport e Slentel per 1,23 miliardi di euro. L’operazione che era stata definita dal governo precedente era stata congelata da Tsipras subito dopo la vittoria alle elezioni.

Gli aeroporti che vengono ceduti sono quelli di Salonicco, Kavala, Corfù, Zante, Canea, Cefalonia, Aktion, Rodi, Kos, Samos, Mitilene, Mykonos, Santorini e Sciato. Come ho già scritto in un altro articolo, i tedeschi stanno attuando un progetto coloniale atto a trasferire valore e assets dalla Grecia direttamente alla Germania con il fine di pagare i servizi utilizzati dalla cittadinanza tedesca. I tedeschi stanno facendo con la finanza ciò che non è riuscito a Hitler con le armi.  La finta normalizzazione della Grecia procede in un clima agitato. L’ammontare dovuto alla PPC(Public Power Corporation), il primo fornitore di elettricità, controllato dallo Stato, in termini di bollette scadute è salito a 2 miliardi di euro. Lo ha dichiarato Giorgos Adamidis, segretario del sindacato Genop. Il grosso delle bollette scadute, circa 1,5 miliardi, è dovuto dalle famiglie mentre le grandi imprese devono 280 milioni e lo Stato 220 milioni.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord

Centro di accoglienza migranti a Secondigliano

Tari in bolletta elettrica

Contributi erogati alla stampa per l’anno 2017

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione