Lavoratori in nero sono due milioni

I dati di Ministero del Lavoro, Inps e Inail parlano di un'economia "sommersa" da 41,8 miliardi di euro.

LavoratoreOgni anno circa 2 milioni di persone lavorano in nero completamente sconosciuti alle autorità. E’ quanto emerge da un’analisi fornita all’Ansa dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro sull’attività ispettiva di Ministero del Lavoro-Inps-Inail del 2014 e dei primi 6 mesi 2015.

Il lavoro nero produce un’economia sommersa di 41,8 miliardi di euro e una evasione di 25 miliardi di imposte e contributi. Il fenomeno vale 1,5% del PIL, cioè cifre vicine a quelle della legge di stabilità. Nel corso del 2014 Ministero del Lavoro, Inps e Inail hanno ispezionato 221.476 aziende, sollevando il velo su 77.387 rapporti non denunciati, quindi gestiti in nero, una percentuale del 34,94%. Nel primo semestre del 2015, invece, su 106.849 imprese passate al setaccio sono stati individuati circa 31.394 occupati totalmente in nero, ossia il 29,38%. Rosario De Luca, presidente della Fondazione studi dei Consulenti del lavoro, ha dichiarato: “Il legislatore deve creare condizioni normative per incentivare le assunzioni, ad esempio abbassando strutturalmente il costo del lavoro”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Il caso New York University di Conte

Impresa di Froome al Giro d’Italia

Pizza fritta record a Napoli

UE: Conti dell’Italia inadeguati nel 2018