La Bindi fa infuriare De Magistris e De Luca

“La camorra è un dato costitutivo di Napoli”. E' la frase che ha fatto infuriare il sindaco De Magistris e il governatore De Luca.

Rosy Bindi“La camorra parte costitutiva della società a Napoli”. E’ quello che ha dichiarato fatte dalla presidente dell’Antimafia, Rosy Bindi, durante la visita della commissione nel capoluogo campano.

L’ex presidente del PD ha aggiunto: “I minori, figli di camorristi, non sono più solo semplice manovalanza, ma veri e propri capi dell’organizzazione e le conseguenze sono quelle dei giorni scorsi. Siamo preoccupati dal potere della camorra che è costitutivo di questa regione”. Come prevedibile, le dichiarazioni hanno scatenato un putiferio. In difesa della città è intervenuto il sindaco Luigi De Magistris: “Non è la camorra l’elemento costitutivo della nostra regione, ma il teatro, la storia e la cultura”. L’ex magistrato ha aggiunto: “La malavita c’è ma non ha più rapporti con l’amministrazione, che ha fatto molto per combatterla”. Sulla questione è intervenuto anche Vincenzo De Luca. Il governatore della Campania ha detto: “E’ un’offesa sconcertante a Napoli ed a tutti i nostri concittadini”. La Bindi ha replicato: “Se qualcuno si è offeso non posso chiedere scusa perché ne sono convinta. Non negare la camorra è il primo atto per combatterla”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Assicurazione RC auto con scatola nera

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Istat: Stipendio medio cala a 13,97 euro l’ora

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste